Archivi tag: Castello di Milé

Il Castello di Milé II

Il vento oggi in città ha il suono terribile di una falciatrice.

– Il vento forse stanotte vi farà paura. Bisogna essere abituati a vivere tra le montagne. Ma non é nulla, in realtà. Vedrete, dormirete benissimo.

Ho dormito e sognato al Castello di Milé e nel vento riecheggiava Demenna.

La città del mito. I bachi da seta. Le foglie di gelso. Gli arabi. Le battaglie. I monaci basiliani. Il fuoco. La resistenza. La resa.

La signora Lucia é una maestra e io torno bambina. Sul prato, nel sole, ci racconta una storia di eroici contadini venuti dalla Grecia fin sui Nebrodi per salvarsi dai barbari.

G. I. può cavalcare un asinello. Il vento si è calmato e si sente il fiume, in fondo alla valle. Mio marito sonnecchia sull’antica roccia del muro di cinta.

É proprio lì forse Demenna, intorno a noi, nascosta tra i boschi e i dirupi.

Quando andiamo via, lontano si vede il mare.

Il Castello di Milé I

La legna scoppietta nel camino. La signora Lucia ha preparato la tisana e adesso la si sente trafficare in cucina. Sembra la prima volta che sento il profumo del limone e delle erbe selvatiche.

É sera. Il vento soffia tra le rocce e i boschi. A volte é come un suono di acqua che scorre. Poi fischia, batte, sibila, strappa.

Fuori, nel buio, nulla di moderno é riconoscibile. Come le stelle, anche le luci dei borghi arroccati sui crinali, sono antiche, tremanti.

Alcuni escursionisti chiacchierano in sala di certe teorie quantiche e di ciuffi di malva. Qualcuno intona alcune note su un flauto dolce.

G. I. gioca con delle bimbe di famiglia.

– La cena tra poco é servita. Poi vi racconterò la storia del Castello e di queste valli…